Attacco di panico e sensazione di perdita di controllo e paura di impazzire

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. Daniela ha detto:

    Buongiorno dottoressa vorreii chiederle se gli sbalzi ormonali della premenopausa possono influire, e tenere attivo il disturbo ansioso. Ho fatto personalmente una terapia breve e il traning autogeno trovandone beneficio, ma in certi periodi mi sento piu’ nervosa e certe senzazioni riappaiono. Ho 49 anni .Grazie mille per i suoi articoli

    • ernesta-zanotti ha detto:

      buongiorno
      si possono influire!
      a lei il compito di distinguere quando nella mente le passano pensieri disturbanti o quando vive situazioni difficili e quando invece è piu una questione fisica..si ricordi però che lo stress influisce sugli ormoni, sulla stanchezza, sulla tensione quindi abbassa la soglia di tolleranza aumentando il rischio di ansia

  2. Diletta ha detto:

    Dottoressa, non ho mai letto un articolo che spieghi così bene come ci si sente in questi momenti… solo chi ha provato può capire.. Lei è una persona eccezionale. Grazie

  3. Fabrizio ha detto:

    La ringrazio per aver parlato in questo articolo in maniera più approfondita della Depersonalizzazione e Derealizzazione; da 2 anni grazie al cielo sto meglio con l’ansia (grazie alla terapia cognitivo comportamentale e ad una leggerissima dose di antidepressivo) ma ricordo tra tutti questo sintomo come quello più inquietante e difficile da descrivere anche alla mia terapeuta… in effetti credevo di aver subito un trauma permanente al cervello come lei descrive…; l’ho sperimentato 2 o 3 volte e mi sentivo estraneo e privo di vita.. testa ovattata e incapace di stimoli, estraniato dal mondo e… pensavo che fossi solo io al mondo a provare un inferno del genere perché la nostra ansia o depressione è sempre la più terribile rispetto a quella degli altri. mi auguro solo che quando completerò la terapia e quando rimuoverò anche il farmaco non torni tutto com’era…In ogni caso grazie per le sue parole.. se fossi stato a Brescia sarebbe stata senz’altro lei la mia dottoressa!!

  4. Diletta ha detto:

    Sembra proprio che l’accettazione dello stato di depersonalizzazione la faccia scemare nel mio caso… Anche se la vivo ancora con forte paura, ma sto lavorando con la psicoterapeuta per modificare il mio modo di reagire. A volte è così difficile…

    • Diletta ha detto:

      Grazie dottoressa, sicuramente l’accettazione mi sta aiutando a capire che non bisogna controllare la paura, ma accoglierla, non è semplice ma bisogna perseverare, non arrendersi. Rimanere nella paura e continuare a fare quello che si stava facendo, come lei spiega..

  5. Diletta ha detto:

    Ci sono momenti di forte ansia in cui penso che non c è più nulla da fare, che rimarrò così per sempre…questo pensiero mi blocca e terrorizza.. Ci sto lavorando con la psicoterapeuta ma sto molto male… Come posso affrontare questa cosa, questa depersonalizzazione?

    • ernesta-zanotti ha detto:

      gentile diletta putroppo non esistono indicazioni che possono essere date per iscritto e che valgano per tutti..ogni caso è un po a se. posso però ricordarle che la depersonalizzaizone è un sintomo dell ansia , una fuga che la sua mente mette in atto er fuggire ad una minaccia..deve lavorare su questo e avere amore, pazienza e cura verso di se. quando sta male si concentri e respiri, ascolti il suo respiro e faccia cose pratiche e manuali, una corsa, cucinare etcc..

  6. Serena ha detto:

    Dottoressa lei è davvero molto molto brava. Leggo i suoi articoli e li trovo non solo interessanti, ma molto belli, veritieri! Si vede che certi sintomi li ha provati sulla sua pelle, perchè li descrive davvero molto bene. Sono in questa pagina perche la DR per me rimane un sintomo terrificante. Mi blocca e mi manda in una paranoia senza eguali. Nonostante io abbia quasi 40 anni, e conosco purtroppo questo sintomo da almeno 25 anni (soffro di ansia generalizzata e ipocondria che sto curando con una tcc) anche se per fortuna è un sintomo raro per me. Volevo chiederle una cosa. È vero che esistono varie forme di DR? Per esempio, io ho avuto sia piccole crisi di circa 30 secondi, in cui davvero ci si spaventa tantissimo perchè vengono un pò all’improvviso e non sai se stai svenendo, impazzendo, un calo di zuccheri o se stai morendo. Ci si sente distaccati completamente dalla realtà e anche i colori sembrano piu “forti” – e io vado nel panico direttamente-. Poi esiste o almeno provo come una forma piu lieve, meno forte, in cui ci si sente si distaccati ma piu addormentati, rallentati, come dei robot e questa forma dura ore o giorni. Ecco inutile dirle che le rassicurazioni del mio teraputa a volte non bastano perche davvero, per me rimane un sintomo che porta direttamente alla follia! è troppo pauroso! Ci penso spesso. E piu ci penso, piu mi viene, anche fortissimo se mi “faccio prendere”
    Che ne pensa?
    Grazie e cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *